Il 14 maggio a Trieste parleremo di turismo responsabile e viaggi ad occhi aperti attraverso le testimonianze di diversi ospiti.

Oggi vi presentiamo Paolo Rumiz.

Giornalista, inviato speciale del Piccolo di Trieste ed editorialista di La Repubblica. Dal 1986 si è occupato degli eventi dell’area balcanica e danubiana. Nel novembre 2001 fu inviato ad Islamabad, e successivamente a Kabul, per documentare l’attacco degli Stati Uniti d’America all’Afghanistan talebano.

Forse più conosciuto per i suoi reportage di viaggi compiuti sia attraverso l’Italia che l’Europa, nei quali ha sempre privilegiato mezzi di trasporto che permettessero l’incontro e il dialogo con le persone e i luoghi per poi raccontarne le storie.

I suoi viaggi non sono sempre stati solitari; fra i suoi famosi compagni di viaggio ricordiamo il vignettista Francesco Tullio Altan e Emilio Rigatti, con i quali percorre in bicicletta nel 2001 i quasi 2000 km che separano Istanbul da Trieste.

Tra i suoi reportage di viaggio più vicini al nostro territorio, segnaliamo:

  • Tre uomini in bicicletta, Milano, Feltrinelli, 2002, viaggio in bicicletta da Trieste ad Instanbul
  • A piedi, Collana Kids, Milano, Feltrinelli, 2012, viaggio a piedi attraverso l’Istria da Trieste a Capo Promontore, vicino a Pola